Coro CESARE RINALDO Coggiola
Coro CESARE RINALDO Coggiola

Un po' di storia

Dovremmo dire "Un bel po' di storia" visto che dalla primavera del 1954 ne è passata di acqua sotto i ponti, da quando questo gruppo di giovanotti si ritrovò al bar Ugolina, al Formantero di Coggiola, su iniziativa di alcuni soci del C.A.I. che radunarono attorno a loro persone amanti del canto, anche esterni al sodalizio.

 

Alcuni mesi di intense prove portarono al debutto, all'albergo Camplin di Coggiola, in occasione dei festeggiamenti per il concittadino Ugo Angelino, accademico del C.A.I. e fresco reduce dalla vittoriosa spedizione italiana al K2.  (il terzo da sinistra nella prima fila in piedi)

 

Lui stesso avrebbe poi fornito il materiale per la prima divisa del coro, che sarebbe poi stata inaugurata pochi mesi dopo, a Noveis, in occasione dei festeggiamenti per Lino Lacedelli e Guido Pagani, altri due fra i principali protagonisti di quella memorabile impresa alpinistica: il primo, con Achille Compagnoni "conquistatore"della vetta, l'altro il medico della spedizione,

che in quell'anno portò all'Italia il riconoscimento e il plauso di tutti gli alpinisti e amanti della montagna del mondo.

 

Consigliamo agli interessati di quell'impresa la visione del documentario:

"Italia K2" su youtube,all'indirizzo

 http://www.youtube.com/watch?v=0s51ogO-Myk che dà un'idea precisa di cosa fosse l'alpinismo di quei tempi, e che inoltre ha nella colonna sonora  due brani bellissimi, "Montagnes Valdotaines" che il nostro coro ha eseguito per tanti anni e che rimane uno dei brani più toccanti di tutto il panorama  musicale del canto di montagna, e "Belle rose du primtemps" che ancora oggi fa parte del nostro repertorio, forse il brano che abbiamo eseguito più di tutti gli altri.

Le origini e il nome

 

Nato nel 1954 in seno alC.A.I Valsessera, ben presto prese forma autonoma, come "Corale Alpina Cesare Rinaldo".

 

Il nome che portiamo è quello di un giovane corista, caduto in un incidente di montagna proprio alla vigilia del debutto del coro, nel dicembre 1954

Anche per superare quella perdita si decise allora di dare il suo nome alla formazione, e ancor oggi raccontiamo la sua storia a chi ci chiede il  perchè  del nostro nome, che portiamo ancora con immutato affetto. 

 

Abbiamo voluto eternare la memoria di un amico che ci ha lasciati troppo presto, e ci pare che a distanza di tanti anni Cesare sia ancora qui con noi a cantare, e sentiamo la sua presenza malgrado molti di noi non l'abbiano conosciuto di persona, anzi quelli che l'hanno fatto sono sempre di meno. 

Questa è una delle particolarità del nostro complesso, ma non la sola. Altre saranno descritte man mano che si completa la creazione del sito.

 

Coro a 4 voci pari virili, ossia: tenori primi e secondi, baritoni e bassi, si è esibito in innumerevoli concerti in Italia ed all'estero, con un repertorio che spazia fra un po' tutti i generi, dal sacro al profano, ma con una particolare attenzione al canto di montagna e popolare, dedicandosi anche alla ricerca di brani della tradizione Italiana e non, armonizzati da diversi autori, tra cui veri e propri "mostri sacri" della musica, e non solo quella corale.

Solo per citarne alcuni: Arturo Benedetti Michelangeli, Gianni Malatesta, Bepi de Marzi, Luigi Pigarelli, i Fratelli Pedrotti e tantissimi altri.

Il nostro repertorio completo conta ormai più di duecento canti, di vari generi che abbiamo eseguito nell'arco degli anni; abbiamo pubblicato negli anni due musicassette ed un CD e siamo in procinto di ultimare le registrazioni di un secondo, che dovrebbe vedere la luce prima della fine dell'anno.

 

Non appena uscirà ne troverete notizia in queste pagine.

Questo è lo stemma che ci ha accompagnato per tanti anni, omaggio delle signore del coro ai coristi in occasione del 35°anniversario.

 

Rappresenta stilizzato il profilo del monte Barone, che con i suoi 2044 metri domina la Valsessera proprio sopra Coggiola. ultimo baluardo delle Alpi Biellesi prima della pianura Padana.

 

In versione gigante campeggia ancora su una parete della sede, e l'abbiamo portato in giro per un bel po' di tempo, prima di sostituirlo con l'attuale, riprodotto nell'intestazione di queste pagine e che invece rappresenta, sempre stilizzata, la facciata barocca del settecentesco Santuario del Cavallero, che si trova a poca distanza in linea d'aria dalla nostra nuova sede, proprio all'imbocco della parte abitata della Valle, dove la montagna lascia il posto alle costruzioni dell'uomo.

 

Questi due sono gli ultimi di una serie di stemmi che hanno ornato le nostre divise nel corso degli anni, a partire dal primo che fu ricamato a mano dalle suore dell'asilo di Granero, e che potete vedere insieme agli altri nella galleria delle immagini storiche

Pagina precedente                                                        Pagina successiva

Il Nostro indirizzo

48, Fraz. Masseranga

13833 PORTULA (BI)

P.IVA 91006570021

E-mail: corocesarerinaldo@gmail.com

 

 

Le prove del coro si tengono ogni

martedi dalle ore 21.00

  IL NOSTRO SITO WEB  

 

Qui troverete tante informazioni utili e interessanti riguardanti il Coro e la sua attività.

 

Per ogni vostra richiesta, suggerimento, chiarimento o per farci avere i vostri contributi al sito potete contattare Gian Luca, il nostro webmaster,

all'indirizzo e-mail: giangifan145@gmail.com

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Coro CESARE RINALDO 49,Fr Masseranga,13833 Portula (BI) ITALIA